Vita da Fuori Sede

Vita da Fuori Sede

BA spiegato agli Amici

agosto 22, 2018
friends walking along the street

Quando si apre l’argomento Università con un amico per la prima volta la situazione è sempre la stessa. Futuro fuorifarmer che ti appresti a frequentare il BA, le tattiche che sto per proporti (attentamente testate) potrebbero tornarti utili in più occasioni. È bene, dunque, che tu sia informato per non farti cogliere impreparato.

Guida praticissima per quando sei giù* e devi rispondere alla domanda “Ma cosa fai tu?”

A seconda dei casi, è opportuno collocare l’amico in questione in un sottogruppo tassonomico per adottare l’atteggiamento più idoneo. Perciò, prima di tutto, devi suddividere gli amici in categorie.

L’amico che conosci di vista: non perdere tempo entrando nello specifico, te lo richiederà il prossimo weekend.

L’amico che conosci di vista ma che ha passato i test di medicina:  con molta probabilità ti guarderà con fare di sfida. Allora tu sfrutterai le parole più fighe che il corso ti ha donato: “Frequento il Bacheleor’s Degree in Digital Management in H-FARM.” Se ti chiede cosa sia H-FARM hai vinto. Non gli è dato sapere. Vai via con nonchalance.

L’amico PR che quindi diffonderà il tuo verbo. È essenziale fare chiarezza nella sua mente, altrimenti dirà a tutti che vivi sommerso nella laguna di Venezia e studi nei parchi archeologici di Quarto d’Altino. La soluzione è rispondere alla domanda con un’altra domanda: “Dove studio? In H-Farm” / “A che università mi sono iscritto?” Ca’ Foscari di Venezia.” / “Che cosa studio? Digital Management”.

L’amico PR che però ti ha precedentemente stalkerato sui social. Lui sa già dall’aggiornamento del 18 Settembre in cui maledettamente, preso dall’euforia, hai comunicato al mondo di esserti trasferito a Treviso e non ti lascerà scampo finché non avrà fatto chiarezza sulla faccenda. La soluzione in questo caso è mantenere un tono di voce rilassato e privo di titubanze per far trasparire come la mobilità nel 2018 sia normale parte integrante di una vita vincente.

L’amico stretto. Finalmente con lui puoi permetterti di essere logorroico. Respira. Tutto d’un fiato digli: Studio economia, frequento il corso di Digital Management dell’Università Ca’Foscari di Venezia, nella sede di H-Farm Education che si trova a Bagaggiolo, vicino Ca’Tron, frazione di Roncade in provincia di Treviso, dove ho preso casa.

L’amica della nonna. Scappa.

*essere giù: complemento di stato in luogo.

Vita da Fuori Sede

Il corso di laurea spiegato alla Nonna

agosto 8, 2018
old telephone and apple iphone

Contro ogni aspettativa di mia nonna che sognava per me un futuro da dottoressa o ballerina perché quindici anni di danza classica era peccato buttarli, all’ennesima domanda in proposito, ho dovuto svelare la mia scelta universitaria.

In un primo momento, probabilmente distratta dalla pasta al forno della Domenica, ho pensato di dirle: “Studierò Digital Management.” Immediatamente dopo ho realizzato il loop infinito di spiegazioni in cui sarei finita. Non che non avessi la pazienza di spiegarle o che la reputassi incapace di comprendere determinate astrattezze del millennio, ma in quel momento, in quel contesto, qualsiasi cosa avessi detto si sarebbe trasformata in notizia da raccontare. Come nel gioco del telefono senza fili (a cui pensandoci bisognerebbe trovare un nuovo nome) alla mamma della mamma della mia migliore amica sarebbe arrivata la notizia che Anna studia come fare i siti internet. Non ci siamo proprio!

Dopo ragionamenti filosofici sono giunta alla conclusione che sarebbe stato meglio dirle: “Nonna, studierò economia. In inglese.

Fiera del mio escamotage pensavo di essermela cavata, finché non mi ha chiesto: “E dove?” 

Ma questa è un’altra storia.

Vita da Fuori Sede

Vita da Fuorisede

luglio 25, 2018
happy blonde girl jumping

Benvenuti in questa rubrica di vita universitaria per fuorisede!

Nella fighissima H-Farm piena di strartupper, mentor, imprenditori e bambini prodigio, si possono incontrare anche ragazzi normali (o quasi), come me: prima content-creator del blog fuorisede oltre il range di 200 chilometri.

In quanto tale, non potevo venir meno alle mie responsabilità verso i futuri fuorifarmer. Quindi, eccomi qui pronta a scrivere consigli su come vivere al meglio il campus durante l’anno e anche a distanza, quando si ritorna a casa per le feste.

Sul fuorisede è stato cucito un abito divertente e che profuma di buon cibo, ma non va dimenticato che il fuorisede è soprattutto colui che ha scelto di essere coraggioso. Il fuorisede, allontanandosi dalla propria comfort zone, ha intrapreso un percorso di cui non poteva avere totale certezza. È colui che ha provato un brivido scorrere lungo la schiena, paura ed eccitazione allo stesso tempo. Il brivido di quel momento in cui fatta una scelta, essa lascerà un segno per la vita.

Conclusa questa parentesi sentimentale, a tratti commovente, mettetela da parte e preparatevi! Preparatevi a racconti fuori dalla norma e guide di sopravvivenza che tutti dovrebbero conoscere. Tutti pronti? (Per essere davvero pronti non dimenticate di avere con voi qualcosa da mangiare, possibilmente dal pacco da giù!)